NEW YORK maggio e giugno 2024

★ ★ ★ ★

New York – Speciale 5 notti

Prezzi e disponibilità

Partenza

11 Maggio e 1 Giugno – 7 giorni / 5 notti

QUOTA PER PERSONA A PARTIRE DA EURO 2.294,00 per l’11 Maggio

QUOTA PER PERSONA A PARTIRE DA EURO 2.323,00 per il 1° Giugno

5 NOTTI – Trasferimenti A/R – ingresso a un concerto al Blue Note – ingresso speciale al MOMA – Tour privato Art & Music
Solo pernottamento

DOCUMENTI NECESSARI: Passaporto + ESTA o VISTO

La quota individuale comprende:

Offerta a disponibilità limitata con prezzo dinamico per persona, o di prezzo fisso in caso di proposte TOP SELLER, valida per sistemazione in camera doppia, comprensiva di volo + soggiorno/tour/crociera e/o solo soggiorno/tour/crociera per 7 notti, salvo ove diversamente indicato. Il “Prezzo finito” include la quota base di partecipazione, la Zero Pensieri (non inclusa per pratiche di solo soggiorno) e le tasse e/o oneri aggiuntivi obbligatori. Non sono incluse eventuali tasse e/o oneri obbligatori da pagare in loco. Ulteriori condizioni bambini, prolungamenti, supplementi e riduzioni su richiesta.

La quota individuale NON comprende:

  • mance,
  • tasse di soggiorno,
  • gli extra di carattere personale,
  • ASSICURAZIONE FACOLTATIVE
  • ESTA o VISTO
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”  

Richiedi disponibilità o informazioni senza impegno!








    Dichiaro di avere letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati forniti.

    Qualche informazione in più…

    Benvenuto a bordo del nostro viaggio indimenticabile nella città che tutti sognano di visitare almeno una volta nella vita! Un indimenticabile soggiorno di 5 notti a New York City, la metropoli delle mille luci e dei set cinematografici di innumerevoli film e serie TV. La proposta include: ingresso privato post chiusura con guida privata al MoMA, museo d’arte moderna nel cuore di Manhattan e il tour privato per scoprire l’arte e la musica tra i quartieri della città che si concluderà con l’ingresso per una serata di jazz al Blue Note, un club tipicamente americano con ottima cucina dove si esibiscono i più importanti jazzisti al mondo. Scopri le attrazioni che la città offre e verrai impressionato dalle luci, dai rumori e dal traffico di New York City.

    Volo Neos: diretto da Milano Malpensa e trasferimenti inclusi da e per l’aeroporto di New York JFK

    Pernottamento: 5 notti a scelta tra 2 hotel: il Wyndham New Yorker Hotel o il Tempo by Hilton Times Square
    Esperienze uniche: Dall’ingresso privato post chiusura con guida privata al MoMA al tour privato per scoprire l’arte e la musica tra i quartieri della grande mela che si concluderà con l’ingresso per una serata di jazz al Blue Note
    Biglietti: I biglietti per il concerto al Blue Note sono inclusi nel prezzo. Non ti resta che scegliere il tuo artista preferito!

    New York City è formata da cinque distretti (detti anche Borough), ognuno dei quali fa parte di una provincia a se stante: si tratta di Brooklyn, Manhattan, Queens, Bronx e Staten Island. I Borough della città vennero creati a fine ‘800, quando i governi locali si consolidarono in un’unica entità municipale.

    • Brooklyn, nella provincia (o contea) di Kings County, è uno dei distretti più popolati di NYC, tanto che se ogni borough della metropoli fosse considerato una città, questo sarebbe il terzo nucleo urbano più densamente abitato di tutti gli Stati Uniti, dopo Los Angeles e Chicago. Brooklyn si trova nella parte più a ovest di Long Island e confina, in parte, con il Queens. Collegato a Manhattan e Staten Island da diversi ponti, i più famosi e fotografati sono però il ponte omonimo (il ponte di Brooklyn) e il Verrazzano-Narrows Bridge. Se inizialmente il distretto era abitato principalmente da immigrati, oggi è una destinazione eclettica, ricca di aziende di alta moda, gallerie d’arte, studi di design.
    • Manhattan, d’altro canto, è uno dei distretti più famosi e celebrati della Grande Mela. Chiamato The City dai residenti di New York, è parte della provincia di New York (New York County). Altamente popolato, è però piuttosto piccolo per estensione rispetto agli altri quattro. Storicamente, è qui che i primi insediamenti dall’Europa scelsero di abitare e, oggi, è il fulcro delle attività economiche, amministrative e culturali della metropoli. È a Manhattan che si trovano la sede delle Nazioni Unite e Wall Street, per citare organizzazioni di livello mondiale. Il borough si sviluppa principalmente sull’isola omonima, circondata da tre fiumi (Hudson, Harlem e East River), ma in parte è costruito anche su numerosi piccoli isolotti adiacenti. Inoltre, Manhattan è il lembo di terra americana che ogni immigrato vide al momento dell’arrivo a Staten Island, subito oltre la Statua della Libertà. Infine, vi segnalo che è proprio in questo borough che si trovano alcune delle più amate e visitate attrazioni di New York: Times Square, il Grand Central Terminal e Central Park, oltre ai grattacieli che rendono lo skyline di New York così unico e celebrato.
    • Compreso nella provincia di Queens, poi, è il quartiere omonimo, il secondo per densità di popolazione oltre che il più grande dei cinque distretti. Si trova a Long Island e confina a ovest con Brooklyn e con la provincia di Nassau a est. Il quartiere è abitato prevalentemente da neo-americani, ciò significa che gli idiomi parlati qui, oltre all’inglese, sono davvero numerosissimi: dallo spagnolo all’italiano, dal greco al portoghese al cinese, per citarne alcuni. Questo lo rende il borough più multi-etnico di tutta New York. Queens, infine, ospita realtà importantissime per la città di New York come i suoi due aeroporti (JFK e La Guardia), stadi di squadre nazionali, studi di registrazione cinematografica, sedi commerciali di brand internazionali.
    • Il Bronx, invece, è parte di Bronx County e confina con la regione di Westchester a sud, con il Queens a nord e con Manhattan (a nord-est). È l’unico borough di NYC a non sorgere principalmente su di un’isola. Abitato prevalentemente da persone di origine spagnola, il Bronx è anche il solo distretto di New York a sorgere sul terreno in cui, un tempo, si trovava la foresta che copriva l’intera città: parte di quel paradiso ecologico millenario esiste ancora e si ammira nella Thain Family Forest, presso il New York Botanical Garden. Purtroppo è il distretto più povero della metropoli, abitato da latino-americani, afro-americani e, in minima parte, anche italiani.
    • Infine, l’ultimo borough di New York è Staten Island, compreso nella regione di Richmond e separato dal resto della metropoli dalla baia di New York. Era qui che abitava la popolazione indigena dei Lenape e per una ragione molto semplice: come allora, la zona di Staten Island è una delle più verdi di tutta la città e vi abitano ancora diverse specie di animali come cervi dalla coda bianca, aquile, tacchini, opossum e molti altri, che popolano i grandi parchi di cui il quartiere è ricco. Se vi piacciono le case in stile coloniale, le ville Tudor e lo stile vittoriano allora dovete passeggiare per Staten Island, nella zona di Fort Hill.

    La metropoli è piena zeppa di musei ed è dunque difficilissimo sceglierne alcuni da segnalarvi tra i migliori. Qui vi suggerisco quelli che, secondo me, sono assolutamente imperdibili.

    MET (Metropolitan Museum of Art)

    Comincio col dirvi che questo è il museo d’arte più grande di tutto l’emisfero occidentale. Nelle sue collezioni permanenti, infatti, sono raccolte oltre 2 milioni di opere d’arte tra dipinti, antichità, reperti dell’antico Egitto, arte moderna, rarità bizantine, armi e manufatti medievali. Fondato nel 1870, il museo si trova nei pressi di Central Park, nell’Upper East Side. È un’oasi di bellezza da non perdere: che siate amanti dell’arte o delle antichità, qui troverete davvero meraviglie senza fine. Per maggiori informazioni leggete la nostra guida al Met di New York.

    Solomon R. Guggenheim Museum

    Questo museo si trova all’interno di uno degli stabili più belli e iconici di tutta NYC: progettato da Frank Lloyd Wright, ha la forma di una spirale ed è, già dall’esterno, una vera e propria opera d’arte. Si trova nell’Upper East Side e al suo interno potrete ammirare collezioni uniche, innovative e speciali. Opere di arte moderna e contemporanea vanno a braccetto con geni del calibro di Kandinsky, Cézanne, Picasso, Van Gogh, Monet e molti altri. Punta di diamante della collezione è la mostra permanente Thannhauser Collection che ospita opere d’arte di tardo Ottocento e primi del Novecento. Informazioni dettagliate sulla visita le trovate nella nostra al guida al Museo Guggenheim di New York.

    Museum of Modern Art (MoMA)

    Uno spazio da visitare se si è interessati alle novità nell’ambito dell’arte contemporanea e di quella moderna. Una visita del MoMA può essere considerata un’esperienza che apre gli occhi e la mente: qui viene proposto ciò che è innovativo, anticonformista, multi-culturale, “diverso” dal solito. Le opere esposte sono creazioni di talenti come Matisse e Carrol Dunham, ma vi si ammirano anche progetti indipendenti ed esposizioni dedicate a temi di attualità. Qui ci sono inoltre alcuni capolavori della storia dell’arte mondiale, come ad esempio, Notte stellata di Vincent van Gogh. Il MoMA ha due sedi espositive: una si trova in Midtown Manhattan (quella principale) e l’altra nel Queens. Dettagli su orari, biglietti e consigli per la visita nella nostra guida al MoMA di New York.

    Brooklyn Museum

    Se amate ciò che è fuori dagli schemi, la diversità e la multiculturalità, questo museo è perfetto per voi. È una miscela perfetta di arti classiche, moderne e contemporanee che danno spazio ad artisti provenienti da ogni angolo del pianeta. Ma non solo. Al suo interno infatti potrete ammirare le gallerie Egizie, la camera delle mummie, meraviglie create dal genio di Andy Warhol, oggetti di arte africana e islamica. Per informazioni e consigli ecco la nostra guida al Brooklyn Museum.

    Whitney Museum of American Art

    Ecco un altro indirizzo che vi consiglio caldamente di inserire nel piano di viaggio. Dedicato all’arte contemporanea americana del XX e XXI secolo, il Whitney Museum trova sede nel Meatpacking District. Le mostre e le collezioni vengono continuamente aggiornate e impreziosite di nuove opere d’arte e, ad oggi, vi trovano esposizione ben 21.000 dipinti creati da oltre 3.000 artisti. Da non perdere la collezione di Mark Rothko, maestro nello studio dei colori, e la Biennale di Whitney, la mostra-evento più importante del polo museale che si impone, ogni anno, come la manifestazione dedicata all’arte contemporanea più importante di tutti gli Stati Uniti. Per maggiori informazioni ecco la nostra guida al Whitney Museum of American Art.

    The Morgan Library & Museum

    È probabile che non ne abbiate mai sentito parlare, ma vi assicuro che questo museo-biblioteca merita di essere visitato. Voluto dal benefattore Pierpont Morgan, il museo venne aperto di fianco alla dimora in cui abitava il finanziere, nella zona di Murray Hill. Al suo interno si ammirano libri antichi e rari, manoscritti medievali e rinascimentali, dipinti, spartiti musicali, oggetti antichi e disegni d’epoca. Inoltre, all’interno del museo si trova un’ampia sala per spettacoli in cui sono spesso organizzati concerti. Vi suggerisco di prenotare il biglietto in anticipo, oppure potete consultare il sito per scoprire i venerdì a ingresso gratuito, permesso nella fascia oraria dalle 17 alle 19.

    National Museum of Immigration

    Si trova ad Ellis Island ed è uno spaccato sull’immigrazione di massa che interessò la città di New York nel XIX secolo. Chi cercava una vita migliore, un futuro di riscatto, il sogno americano, ma viaggiava in terza classe perché povero e indigente, era costretto dalla legge della città a fermarsi ad Ellis Island per l’ispezione. Viaggiando in condizioni igieniche spesso precarie, le autorità di New York pretendevano che gli immigranti si sottoponessero a visite di controllo accurate, durante le quali venivano anche esaminati i documenti e si doveva compilare un questionario aiutati da interpreti. Il museo si trova all’interno dell’edificio che, originariamente, veniva usato per controllare i migranti. Qui sono esposti bagagli, fotografie dell’epoca, documenti, cimeli di famiglia dimenticati. È poi possibile provare a scoprire se qualcuno della propria famiglia tentò, nel XIX secolo, di fare fortuna in America: tramite pannelli computerizzati basta inserire il cognome e il nome dell’avo per scoprirlo. Per visitare il museo dell’immigrazione è necessario acquistare il biglietto online insieme alla Statua della Libertà, oltre al passaggio in ferry-boat. Potete programmare la vostra visita leggendo la nostra guida alla Statua della Libertà ed Ellis Island.

    9/11 Memorial & Museum

    Infine, non si può non ricordare il National September 11 Memorial & Museum in cui trovano spazio ricordi, resti e immagini del post-attacco alle Torri Gemelle. Situato nel World Trade Center Site, dove sorgevano le due torri, questo museo espone alcuni dei reperti ritrovati dopo il disastro, pezzi di metallo che formavano le torri, la “scala dei sopravvissuti” – parte della scala che permise, ad alcuni, di salvarsi durante l’attacco. E poi ancora testimonianze orali di sopravvissuti e di persone che hanno perso cari, oltre a oggetti personali e le terribili, emozionanti foto di tutti coloro i quali hanno perso la vita nell’attacco che ha cambiato il mondo. La visita a questo museo è toccante e profondamente coinvolgente. Per maggiori informazioni leggeta la nostra guida al National September 11 Memorial & Museum.

    NYC è la città che non dorme mai. C’è sempre qualcosa di interessante da vedere o fare, di giorno così come di notte. Famosissima per i suoi locali notturni, per i musei, i ristoranti multi-etnici, New York è conosciuta anche per alcuni simboli che la rendono unica. Come la Statua della Libertà su Liberty Island, emblema del sogno americano, il ponte di Brooklyn, uno dei più fotografati della città che, ogni anno, è parte integrante del tracciato della Maratona di New York, e Central Park, immenso parco cittadino e polmone verde della metropoli, teatro di matrimoni, eventi, concerti, oltre che set cinematografico a cielo aperto.

    New York è famosa anche per essere sede di Wall Street e delle Nazioni Unite, di Broadway e di Times Square, la piazza più instagrammata del mondo. Infine, altrettanto celebrate sono le parate che animano le vie di New York: come la Macy’s Thanksgiving Parade, la Greenwich Village Halloween Parade e la St. Patrick’s Day Parade. Sotto Natale, la metropoli è universalmente riconosciuta per le illuminazioni strabilianti di Dyker Heights, l’opulento albero di Natale e la pista di pattinaggio sul ghiaccio del Rockefeller Center.

    Se vi state chiedendo se c’è un piatto tipico di New York, la risposta è no. A parte il classico hamburger super-farcito con le immancabili patatine fritte, nella Grande Mela si può mangiare di tutto e di più. La cultura gastronomica newyorkese è un mix di numerose influenze internazionali, dovute alle tantissime etnie che vi si sono installate nel corso dei decenni e che hanno, quindi, apportato delle modifiche costanti all’offerta culinaria. Si spazia quindi dai bagel agli hot dog, dalla cheesecake ai knish, piatti delle tradizioni centro-europee, dell’Europa dell’est ed ebraiche.

    Vi si assaporano anche la pizza (ora proposta in stile newyorkese) e la pasta, introdotte dagli immigrati italiani, oltre al pastrami e al manzo affumicato introdotti dagli irlandesi, e diverse varianti di piatti cinesi, giapponesi, medio-orientali. Non solo locali, ma anche street-food (io vi consiglio caldamente di provare gli hot-dog da asporto, per sentirvi dei veri americani), sagre eno-gastronomiche, mercati open-air. A New York potrete assaporare la cucina e i vini di oltre 85 paesi!

    È La Mecca dello shopping. Che abbiate budget altissimi da spendere o possibilità di spese più contenute, sappiate che potrete fare acquisti interessanti praticamente ovunque. Tra i posti che vi suggerisco di mettere in agenda vi segnalo Macy’sSaks Fifth AvenueCentury 21 (qui troverete abiti e accessori di grandi firme, a prezzi super-scontati), Bloomingdale’s e il Westfield WTC, di recente apertura e che si trova nella zona del World Trade Center.

    Tiffany & Co anche se i gioielli che vende non sono alla portata di tutti, nessuno vi vieta di entrare e farci un giro. Sempre sulla Fifth Avenue, infine, c’è uno degli store Apple più grandi e ben forniti del mondo: se amate la tecnologia della mela, non potete non andarci. Da non perdere per chi viaggia con i bambini sono il Rockefeller Center che ospita brand come Lego e Nintendo, e Forbidden Planet, nel quale scovare giochi a tema supereroi, pozioni strane e tante altre particolarità che faranno la gioia dei più piccoli, ma anche dei grandi.

    Richiedi informazioni senza impegno!