GRAN TOUR DELL’ANDALUSIA

★ ★ ★ ★

Siviglia – Cordova – Granada – Antequera – Malaga – Ronda – Puerto Banus – Gibilterra – Cadice – Jerez de la Frontera

Prezzi e disponibilità

Partenze da Siviglia Quota individuale Suppl.to singola
Aprile: 24 705.00 € 305.00 €
Maggio: 1 685.00 € 305.00 €
Maggio: 8, 15, 22 e 29 705.00 € 305.00 €
Giugno: 5, 12 705.00 € 305.00 €
Giugno: 19 780.00 € 305.00 €
Luglio: 2, 9, 16, 23, 27 e 30 685.00 € 305.00 €
Agosto: 3, 6, 24 e 31 685.00 € 305.00 €
Agosto: 10, 13, 17 e 20 720.00 € 325.00 €
Settembre: 3, 7, 10, 14, 17, 21 e 24 705.00 € 305.00 €
Ottobre: 9, 16 e 23 705.00 € 305.00 €
Ottobre: 30 740.00 € 305.00 €
Novembre: 6, 13, 20 e 27 655.00 € 295.00 €
Marzo 2023: 5, 12, 19 e 26 665.00 € 305.00 €

Le partenze da Malaga sono il Venerdì dall’1/07 al 30/09, il sabato dal 16/04 al 25/06 e dall’8/10 al 25/03/23, ed il lunedì dal 25/07 al 26/09

PROGRAMMI DETTAGLIATI IN AGENZIA

PARTENZA DA SIVIGLIA

  • 1° giorno: SIVIGLIA
  • 2° giorno: SIVIGLIA
  • 3° giorno: SIVIGLIA – CORDOVA – GRANADA 
  • 4° giorno: GRANADA
  • 5° giorno: GRANADA – ANTEQUERA – MALAGA
  • 6° giorno: MALAGA – RONDA – PUERTO BANUS (MARBELLA) – MALAGA  
  • 7° giorno: MALAGA
  • 8° giorno: MALAGA – GIBILTERRA – CADICE – JEREZ DE LA FRONTERA – SIVIGLIA 

PARTENZA DA MALAGA

  • 1° giorno: MALAGA
  • 2° giorno: MALAGA – GIBILTERRA – CADICE – JEREZ DE LA FRONTERA – SIVIGLIA
  • 3° giorno: SIVIGLIA 
  • 4° giorno: SIVIGLIA – CORDOVA – GRANADA 
  • 5° giorno: GRANADA 
  • 6° giorno: GRANADA – ANTEQUERA – MALAGA   
  • 7° giorno: MALAGA – RONDA – PUERTO BANUS (MARBELLA) – MALAGA
  • 8° giorno: MALAGA  

La quota individuale comprende:

  • tour di 8 giorni e 7 notti
  • Trattamento come da programma: 7 prime colazioni / 7 cene in hotel
  • Guide locali a Ronda, Siviglia, Cordova, Malaga e Granada
  • Cantina di Jerez
  • 1/3 di litro di acqua a cena
  • Assicurazione medico/bagaglio Tourist Pass inclusa pandemia Covid-19

La quota individuale NON comprende:

  • Quota di iscrizione € 35.00 per persona
  • Voli dai principali aeroporti
  • trasferimenti in loco
  • pacchetto ingressi
  • eventuale assicurazione annullamento
  • tasse di soggiorno

Servizi

Adatto a coppie

Adatto a famiglie

Richiedi disponibilità o informazioni senza impegno!








    Dichiaro di avere letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati forniti.

    Qualche informazione in più…

    Tour alla scoperta della splendida regione del sud della Spagna. Un itinerario che  vi farà immergere nella tipica atmosfera andalusa: la grande storia del passato moresco di Granada; Cordova con la Moschea dalle mille colonne; Siviglia, città gioiello ma anche i dolmen di Antequera, Patrimonio dell’Umanità ed il villaggio di Ronda, costruito su un promontorio roccioso dalle pareti verticali. In programma anche: Malaga, Cadice, Jerez de la Frontera e Puerto Banus. Un’ esperienza di viaggio nella Spagna più caratteristica e tradizionale!

    Siviglia è una città che lascia il segno e che molti sono concordi nel definire speciale. Ciò si deve alla grandiosità dei suoi monumenti o, forse, all’incanto dei quartieri popolari come Triana. È possibile che sia per l’aroma di gelsomino delle sue piazze o per il suono della chitarra spagnola che si sente per le strade. C’è chi dice che è la tradizione delle sue feste e molti sono convinti che le tapas sono le vere responsabili.

    Cordova è nota in tutto il mondo per la sua Moschea-Cattedrale. Il centro storico monumentale dichiarato Patrimonio Mondiale è pieno di piccole strade irresistibili, cortili floreali, piazze meravigliose e vivaci taverne che offrono la possibilità di partecipare a interessanti spettacoli di flamenco o dove degustare i piatti tipici. La primavera è il periodo dell’anno migliore, quando il profumo di fiori come la zagara e il gelsomino invade le strade, soprattutto nel mese di maggio, caratterizzato delle feste tradizionali di Cordova.

    Ai piedi della Sierra Nevada, tra i fiumi Darro e Genil, si estende una delle città più interessanti dell’Andalusia orientale. L’impressionante retaggio si aggiunge a gioielli architettonici del Rinascimento e alle più moderne strutture del XXI secolo. Ultima città riconquistata dai Re Cattolici nel 1492, ha mantenuto proprio per questo motivo un’inconfondibile atmosfera araba. La sua gastronomia, l’artigianato e l’assetto urbanistico affondano le loro radici in un glorioso passato storico.

    Antequera è una città con una grande ricchezza culturale ed economica. Il suo centro storico è composto da più di una cinquantina di monumenti ed edifici, alcuni dei quali risalgono all’Età del bonzo come il Dolmen de la Cueva de Menga, il Dolmen de Viera e di Romeral. Nel centro storico, dominato dal castello e dalla basilica di Santa María, si succedono collegiate, chiese, conventi, palazzi, archi, porte, eremi, case signorili e un’alcazaba.

    Oltre alle 16 spiagge soleggiate, questa città andalusa sul Mediterraneo presenta una vita culturale più che interessante. Infatti, il luogo che ha dato i natali a Pablo Picasso si è reinventato negli ultimi anni inaugurando musei per tutti i gusti. Se alla combinazione mare-cultura aggiungiamo un’atmosfera vivace, le abbondanti tapas servite nei bar, i quartieri all’ultima moda come quello di Soho, zone come quella del porto che si sono trasformate per offrire modernità e monumenti con secoli di storia, il risultato è una città appassionante che chiunque avrebbe voglia di scoprire.

    La città, in provincia di Malaga, vede il centro urbano sorgere ai due lati del Tajo de Ronda, una stretta gola, profonda più di 150 metri. Il centro storico è stato dichiarato Bene di Interesse Culturale. Queste terre vennero abitate da celti, fenici, romani e arabi, prima di essere riconquistate dai Re Cattolici. Il centro storico, con reminiscenze arabe e tracciato medievale, si dirada verso il sud del Guadalevín, mentre la Ronda più recente, costruita a partire dal secolo XVI, si spiega a nord del fiume. Le due metà sono unite da diversi ponti, formando una delle località più interessanti dell’itinerario dei Pueblos Blancos (paesi bianchi), al centro della Serranía de Ronda e a pochi chilometri dalla Costa del Sol.

    Marbella è indubbiamente uno dei più importanti centri turistici della Costa del Sol, grazie all’eccellente qualità delle sue infrastrutture e dei servizi che offre. Puerto Banús, uno dei principali punti di interesse turistico del comune, ospita un’esclusiva zona commerciale e di relax all’interno delle strutture di prima classe del suo porto turistico. Ma Marbella è un paradiso anche per gli amanti del golf. Il centro storico della città, situata in una bellissima baia, nasconde angoli incantevoli dal tipico sapore andaluso, con case bianche e aranci che profumano strade e piazze. La cornice ideale per degustare una delle tante squisitezze della gastronomia locale.

    Gibilterra, conosciuta anche come the Rock, è una colonia britannica che si trova all’estremità meridionale della penisola iberica dove il Mar Mediterraneo si incontra con l’Oceano Atlantico. Per gli antichi greci e romani questa rocca calcarea, alta anche 426 metri, con scogliere a strapiombo sul mare, era una delle due Colonne d’Ercole che, insieme a quella di Jebel Musa in Marocco, segnava il confine del mondo antico. Oggi Gibilterra è un’incredibile città cosmopolita dove si incontrano le culture e le storie inglesi, spagnole, genovesi e nordafricane.

    Fondata dai fenici circa 3000 anni fa, Cadice è la città più antica del mondo occidentale. Delle varie popolazioni e culture che si sono susseguite nel corso dei secoli, rimangono ancor’oggi delle importanti influenze che segnano il carattere dei locali. Questa penisola, nel cuore della costa atlantica andalusa, ha saputo preservare un importante lascito frutto della sua importanza commerciale; inoltre le lunghe spiagge hanno contribuito al successo della cucina locale. La Costa della Luz, suddivisa nelle province di Huelva e Cadice, offre numerose località dove coniugare cultura e divertimento. E, per gli amanti della natura, niente di meglio che percorrere il Parco Nazionale di Doñana, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

    Jerez de la Frontera, assai conosciuta per i suoi vini, i cavalli e il flamenco, conserva un centro storico che è stato dichiarato complesso storico-artistico. È una delle località più nobili della provincia di Cadice che riunisce l’aspetto signorile dei palazzi aristocratici con l’aria popolare delle case tipiche dell’Andalusia. Queste caratteristiche diventano evidenti ogni anno nella celebrazione della Fiera del Cavallo, dichiarata d’Interesse Turistico Internazionale. Questa straordinaria offerta culturale si arricchisce con i sapori della gastronomia regionale, nella quale spicca la Denominazione d’Origine Jerez-Xérès-Sherry Manzanilla-Sanlúcar de Barrameda. Una visita ad alcune delle cantine della città aiuterà il visitatore a comprendere la sua profonda tradizione vinicola.